Support & Downloads

Quisque actraqum nunc no dolor sit ametaugue dolor. Lorem ipsum dolor sit amet, consyect etur adipiscing elit.

s f

Contact Info
198 West 21th Street, Suite 721
New York, NY 10010
youremail@yourdomain.com
+88 (0) 101 0000 000
Follow Us
Ecobonus

Detrazioni fiscali fino al 65% sugli addolcitori domestici

I benefici che derivano dall’installazione di un addolcitore Ecowater sono numerosi e non riguardano solo il risparmio sulle bollette energetiche e sulla manutenzione degli elettrodomestici, ma si estendono anche alle detrazioni fiscali di cui si può beneficiare acquistando un impianto.

In particolare si può usufruire degli incentivi fiscali in due modi:

Nell’ambito di riqualificazione energetica
Il Ministero dell’economia e delle finanze con Decreto 19 febbraio 2007 sancisce le disposizioni in materia di detrazione per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente ai sensi dell’art.1 comma 349 della Legge 27 dicembre 2006 n.296. Pertanto, i titolari di immobili che intendano effettuare opere di riqualificazione energetica, possono avvalersi di un beneficio fiscale. L’importo da detrarre si ottiene calcolando il 65% delle spese di riqualificazione effettivamente sostenute e rimaste a carico (quindi per i privati va considerata anche l’IVA, poiché versata al prestatore d’opera) con un valore massimo di spesa che varia a seconda della tipologia di lavori effettuati.

Nell’ambito di ristrutturazione edilizia
Facendo fede alla circolare 20/E/2011, si può ottenere la detrazione Irpef per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, a condizione che l’installazione degli addolcitori implichi “modificazioni strutturali integranti opere di manutenzione straordinaria dell’abitazione e/o degli impianti relativi”. Oltre alla detrazione, l’installazione degli addolcitori è agevolata con l’aliquota Iva al 10%. In base alla normativa vigente, sulle prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sulle unità immobiliari abitative, si paga l’Iva al 10%.

Per maggiori informazioni puoi rivolgerti al tuo comune o al tuo commercialista.

Condividi...