Si sta per avvicinare quella parte dell’anno in cui ci si mette a tavolino e si fa il bilancio di quel che è stato fatto durante l’anno e di quello che vorremmo realizzare con l’arrivo del nuovo. Sono tanti i buoni propositi che pianifichiamo di raggiungere ma che spesso non riusciamo a portare a compimento per questioni di impegni, di scarso tempo a disposizione, etc…

Per il 2019 vogliamo suggerire un proposito che non è solo buono per il singolo ma per tutta la collettività e che, soprattutto, non costa alcuna fatica: bere acqua del rubinetto.

L’acqua km zero, lo dice la parola stessa, ci permette di sfruttare le risorse idriche locali, valorizzandole. Questa scelta ci consente di evitare di movimentare da una parte all’altra del mondo tonnellate di acqua in bottiglia. In base ai dati elaborati da Legambiente, il 90-95% viene confezionata in contenitori di plastica e solo il 5-10% in quelli di vetro: in pratica ogni anno vengono utilizzate tra i 7 e gli 8 miliardi di bottiglie di plastica. Numeri impressionanti anche rispetto agli impatti ambientali: più del 90% delle plastiche prodotte derivano da materie prime fossili vergini (il 6% del consumo globale di petrolio). Plastica che, se non viene smaltita correttamente, rappresenta una delle principali fonti di inquinamento per l’ambiente.

Il 2018 è stato l’anno in cui il problema della presenza della plastica nei mari è stato messo sotto i riflettori dai media di tutto il mondo. Basti notare che digitando su Google “plastica in mare” si ottengono oltre 31.000.000 risultati. Anche le Istituzioni hanno preso provvedimenti per ridurre l’impatto ambientale delle bottiglie di plastica e incentivare il consumo di acqua del sindaco che ricordiamo essere buona, sicura e controllata fino al contatore.

Se il gusto o l’odore della vostra acqua di casa non vi convince non dovete necessariamente ripiegare sull’acquisto dell’acqua confezionata ma potete optare per trattarla. Uno dei prodotti più innovativi sul mercato della filtrazione domestica è l’osmosi inversa che permette di ottenere un’acqua su misura, regolando la quantità desiderata di sali minerali.

È la soluzione ideale per ridurre o eliminare alcune sostanze quali solfato, magnesio, calcio, ammonio, nitrati, nitriti, permanganato, ferro, fosforo, enterococchi, escherichia coli e batteri coliformi.

Tra i vantaggi che si ottengono dall’acqua trattata, oltre alla comodità e all’abbandono dell’acquisto di quella in bottiglia, c’è un miglior gusto delle bevande. Infatti l’acqua è l’ingrediente principale in cucina e può influenzare il sapore dei piatti o delle bevande che prepariamo. Non ultimo, c’è un altro grande vantaggio: il risparmio. L’acqua filtrata, infatti, costa 300 volte in meno rispetto a quella confezionata (Fonte: Aqua Italia).

Partendo dall’acqua, quindi, non solo facciamo una buona azione per l’ambiente e per le generazioni future, ma facciamo anche un extra regalo a noi stessi dedicando quanto risparmiato alle attività che più ci appassionano.

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

 

 

logo ecowater systems piccolo

logo ecowater systems piccolo

Condividi su...

certificazioni-iso-ce-tifq-nsf