In autunno con i primi freddi e le giornate uggiose si sente spesso il bisogno di scaldarsi con una buona bevanda calda. The e tisane, gustati sotto una bella coperta sul divano, sono la miglior coccola da dedicarsi.

Quello che forse vi sarà capitato è di bere la stessa tisana in posti diversi e scoprire che ha un sapore diverso. L’ingrediente segreto per avere una buona bevanda calda non è lo zucchero o il miele ma è proprio l’acqua.

Chi vive in zone dove l’acqua del rubinetto ha un cattivo odore o sapore deve sapere che la clorazione è indispensabile per garantirne la salubrità. Berla può non essere invitante ma è di certo sicuro. E allora in questi casi bisogna arrendersi all’acqua confezionata? No!

Per avere un’acqua buona da bere e per cucinare, la si può depurare con un trattamento domestico dell’acqua come l’osmosi inversa. Installandolo comodamente sotto il lavello è possibile ridurre cloro, magnesio, calcio, ammonio, nitrati, nitriti, permanganato, ferro, fosforo, enterococchi, escherichia coli e batterio coliforme. Inoltre è possibile erogare un’acqua personalizzata andando a selezionare la quantità di sali minerali che si desidera avere.

Grazie a questo trattamento domestico per depurare l’acqua, si può avere acqua fresca e dal gusto su misura ogni volta che lo si desidera, risparmiando sulle spese sostenute per l’acquisto di acqua in bottiglia. Infatti, bere acqua trattata costa fino a 300 volte in meno rispetto all’acquisto di quella confezionata (Fonte: Aqua Italia). Di conseguenza, si potrà fare un bel gesto per l’ambiente, evitando di utilizzare ancora le bottiglie di plastica che portano al consumo di oltre 450 mila tonnellate di petrolio e l’emissione di oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2 (Fonte: indagine di Altraeconomia e dell’ufficio scientifico di Legambiente “Regioni imbottigliate”).

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

 

logo ecowater systems piccolo

logo ecowater systems piccolo

Condividi su...

certificazioni-iso-ce-tifq-nsf